Osservatorio Afghanistan

5x1000

97381410154

CISDA

Il CISDA lavora a fianco delle Associazioni afghane:
RAWA (Revolutionary Association of Women of Afghanistan)
HAWCA (Humanitarian Association of Women and Children of Afghanistan)
OPAWC (Organization Promoting Afghan Women Capabilities)
SAAJS (Social Afghan Association of Justice Seekers)
AFCECO (Afghan Child Education and Care Organization)

Promuove i diritti femminili,
operando in una situazione di conflitto e di fondamentalismo,
attraverso un lavoro capillare di alfabetizzazione di donne e bambini
per far nascere una nuova coscienza civica e di pace
che parta proprio dalle donne.

Con il tuo 5x1000 al CISDA puoi aiutare donne e bambini a costruire il proprio futuro.

Grazie

CISDA - Via dei Transiti 1 - 20127 Milano - cisdaonlus@gmail.com - www.cisda.it - www.osservatorioafghanistan.org

PROGETTO AFTER SHELTER

Sostieni i progetti CISDA

CISDA KabulKabul, per chi come noi del CISDA vi si reca ogni anno, si presenta sempre allo stesso modo: caotica, polverosa, con un traffico privo di regole, le

...

Ultima sera a Kabul con le ragazze e iragazzi dell'orfanotrofio che ci ha ospitato... canti e balli per noi. Se volete aiutare questi bambini:

...

SponsorAfcecoRiceviamo dall'Orfanatrofio di Kabul AFCECO questa richiesta:

Care amiche e cari amici,
quest'anno abbiamo

...

Dona con Pay Pal

Dalla favola africana del colibrì:

Il leone chiamò il piccolo colibrì e gli disse: “Oggi abbiamo imparato che la cosa più importante non è essere grandi e forti, ma pieni di coraggio e di generosità.
Oggi tu ci hai insegnato che anche una goccia d’acqua può essere importante e che insieme si può spegnere un grande incendio.”

I AM THE REVOLUTION

Regia di:
Benedetta Argentieri

header logo

DOCUMENTARIO - 2018, 74 minuti

Promosso da Possibile Film con CISDA

In mezzo alla guerra e al fondamentalismo, sono cresciute donne leader che comandano eserciti, organizzano la fuoriuscita delle altre donne dalla schiavitù, guidano forze politiche laiche e progressiste, andando villaggio per villaggio a sfidare i talebani.

Queste donne praticano la democrazia più avanzata che possiamo immaginare nei contesti meno favorevoli possibili. Queste donne testimoniano la rivoluzione necessaria ovunque.

Chi acquista i biglietti online paga generalmente 1 euro in meno che in cassa, e aumenta la diffusione dell'evento <3

Ospite in sala: la regista

Partecipa

Firenze - 05/05/2019

La Compagnia - 21:00

Milano - 07/05/2018

Plinius - 20:30

Candelo - Biella - 22/05/2019

Verdi - 21:15

Chi siamo

Il C.I.S.D.A. - Coordinamento Italiano di Sostegno alle Donne Afghane Onlus
è nato nel 1999 su iniziativa di una serie di associazioni e realtà italiane che da anni lavorano sui temi dei diritti delle donne, contro i fondamentalismi e le guerre.

Progetti

Il C.I.S.D.A. promuove progetti di solidarietà a favore delle donne afghane in partnership con associazioni di quel Paese.
I progetti sono stati realizzati anche grazie alla collaborazione di associazioni italiane, enti locali, del Ministero degli Affari Esteri e dell'Unione Europea.

Comunicati Stampa CISDA

PadreMaurizioLa luminosa vita di Padre Maurizio si è spenta ieri. Ma la sua presenza resterà accanto a chi lo ha conosciuto, come noi, nelle parole, nell’ironia, nei gesti di affetto, nell’accoglienza, nelle infinite opere che con il suo aiuto

...

Comunicato del CISDA, (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane) a sostegno di Leyla Guven, 12 aprile 2019 

LeylaGuvenLeyla, deputata curda dell’HDP, è in sciopero della fame a tempo indeterminato dall’8 novembre 2018, per chiedere la

...

Il sogno del guerriero“Il sogno del guerriero” è il nuovo murales dipinto dall’artista peruviano Carlos Atoche sul muro della scuola primaria Istituto Comprensivo Riace Monasterace di questo piccolo borgo della Locride, noto per essere stato un modello esemplare di

...

Il CISDA oltre all'Afghanistan...

Il CISDA aderisce alla rete In Difesa dei diritti umani e di chi li

...

Il Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane promuove il rispetto dei diritti umani e

...

Calendario Eventi

Aprile 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

CERCASI SPONSOR PER IL PROGETTO DI REINSERIMENTO SOCIALE DELLE DONNE MALTRATTATE IN AFGHANISTAN

AFTER SHELTER

Care amiche e cari amici del Cisda,
come sapete uno degli aspetti della nostra organizzazione è sostenere e promuovere i progetti delle associazioni di donne che collaborano con noi.
Tutti i nostri progetti nascono sempre da esigenze e richieste sollecitate da loro che vivono ogni giorno la realtà di quel martoriato paese.

Il nuovo Progetto After-Shelter ha bisogno di uno o più sponsor. Aiutateci a trovarli!

Progetto After-Shelter

Meena Keshwar Kamal

MEENA (1956-1987) è nata a Kabul. Durante il suo periodo scolastico, gli studenti a Kabul e in altre città afghane erano profondamente impegnati in attività sociali e nei crescenti movimenti di massa.
Meena ha lasciato l'università per dedicarsi come attivista sociale ad organizzare le donne ed educarle. Perseguendo la sua causa per ottenere il diritto alla libertà e all'espressione e conducendo attività politiche, Meena ha posto le basi per la fondazione di RAWA nel 1977.
Questa organizzazione intendeva dare voce alle donne dell'Afghanistan private dei loro diritti e costrette al silenzio. Meena iniziò una campagna contro le forze sovietiche e il loro regime fantoccio nel 1979 e organizzò numerose marce e incontri in scuole, college e all'Università di Kabul per sensibilizzare l'opinione pubblica.
Un altro grande servizio reso da lei alle donne afghane è stato il lancio di una rivista bilingue Payam-e-Zan (Il messaggio delle donne) nel 1981. Per mezzo di questa rivista RAWA ha potuto lanciare con coraggio ed efficacia la causa delle donne afghane. Payam-e-Zan ha costantemente denunciato la natura criminale dei gruppi fondamentalisti.

Meena ha anche organizzato le scuole Watan per i bambini rifugiati, un ospedale e centri di artigianato per donne rifugiate in Pakistan per sostenere finanziariamente le donne afghane.
Alla fine del 1981, su invito del governo francese, Meena ha rappresentato il movimento afghano di resistenza al Congresso del Partito Socialista Francese.
La delegazione sovietica presente al Congresso, guidata da Boris Ponamaryev, ha lasciato la sala con vergogna quando i partecipanti applaudivano e Meena mostrava il segno di vittoria.
Oltre alla Francia Meena ha visitato anche vari altri Paesi europei e incontrato le personalità più importanti.
Il suo lavoro sociale attivo e la sua difesa effettiva contro le posizioni dei fondamentalisti e del regime fantoccio hanno provocato l'ira dei Sovietici e dei fondamentalisti; fu assassinata dagli agenti del KHAD (il braccio aghano del KGB) e dai loro complici a Quetta, in Pakistan, il 4 febbraio 1987.

5x1000

 

Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA
Codice Fiscale 97381410154

CISDA

COORDINAMENTO ITALIANO SOSTEGNO DONNE AFGHANE Onlus
Via dei Transiti 1 - 20127 Milano
Codice Fiscale 97381410154

Copyright © CISDA - Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane Onlus 2019
facebook_page_plugin