Skip to main content

Baradar Abdul Ghani

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

Le informazioni sulla sua data e luogo di nascita variano. Secondo l’Elenco Consolidato del Consiglio di Sicurezza comprendente tutte le persone fisiche e giuridiche soggette a provvedimenti imposti, è nato intorno al 1968 nel villaggio Yatimak del distretto di Deh Rawood nella provincia di Uruzgan nel Regno dell’Afghanistan. Tuttavia, i documenti di identità indicano il 1963 come anno di nascita.

  • Primo vice Primo ministro e Terzo Vicepresidente (dal 5-10-2021)
  • Capo della Commissione economia  (dal 2022)
  • Funzioni precedenti:
    • Governatore Herat (1998) e/o Nimruz/ Kandahar
    • Capo di stato maggiore dell’esercito centrale a Kabul
    • Vice ministro della Difesa
    • Capo operativo dei talibani e capo della Quetta Shura (2007)
    • Vice del Leader degli Affari politici e capo dell’Ufficio politico dell’Emirato islamico (15-1-2019)
    • Primo Vice Primo Ministro per gli Affari Economici (5-10-2021)

Cosa si dice di lui

È uno Zirak Durrani Pashtun della tribù Sadozai, una sottotribù dei Popalzai. Secondo la giornalista olandese Bette Dam, lui e Muhammed Omar sono diventati amici quando erano adolescenti. Secondo Newsweek, Omar e Baradar potrebbero essere cognati tramite il matrimonio con due sorelle.

Ha combattuto durante gli anni ’80 nella guerra sovietico-afghana a Kandahar (principalmente nell’area di Panjwayi), prestando servizio come vice di Omar in un gruppo di mujaheddin afghani contro il governo afghano sostenuto dai sovietici. Omar gli diede il nome di battaglia ‘Baradar’, che significa ‘fratello’, a causa della loro stretta amicizia. In seguito gestì una madrassa a Maiwand, nella provincia di Kandahar, insieme a Omar.

Nel 1994 ha aiutato Omar a fondare i talebani. Durante il governo talebano (1996-2001), Baradar ha ricoperto una serie di incarichi. Secondo quanto riferito, era Governatore di Herat e della provincia di Nimruz e/o Comandante di corpo per l’Afghanistan occidentale. Un documento non classificato del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti lo indica come Ex vice capo di stato maggiore dell’esercito e Comandante del corpo d’armata centrale, Kabul, mentre l’Elenco Consolidato afferma che era il Vice ministro della difesa talebano.

In seguito agli attacchi dell’11 settembre 2001 Baradar ha combattuto contro l’Alleanza del Nord sostenuta dagli Stati Uniti e, secondo Newsweek, “è salito su una motocicletta e ha portato il suo vecchio amico [Omar] in salvo sulle montagne” nel novembre 2001, mentre le difese talebane stavano crollando. Una versione sostiene che nello stesso mese una forza afgana collegata agli Stati Uniti avesse sequestrato Baradar e altri talebani ma l’intelligence pakistana ne avesse ottenuto il rilascio. Un’altra versione riportata da Bette Dam sostiene che Baradar abbia salvato Hamid Karzai, suo compagno di tribù Popalzai, dal grave pericolo corso quando questi entrò in Afghanistan per creare un supporto antitalebano.

Baradar si ritrovò quindi a combattere le forze internazionali e il governo afghano appena formato. Salito alla guida della Quetta Shura divenne il leader de facto dei talebani, dirigendo l’insurrezione dal Pakistan. I diplomatici occidentali lo consideravano tra quelli della Shura più aperti al contatto con il governo afghano e più resistenti all’influenza dell’Inter-Services Intelligence (ISI) pakistana. Dal punto di vista del temperamento, è stato descritto come un “capo tribù pashtun vecchio stile” e un costruttore di consenso.

Secondo quanto riferito, nonostante le sue attività militari Baradar è stato fautore di diversi tentativi di avviare colloqui di pace, in particolare nel 2004 e nel 2009, e ampiamente considerato una parte potenzialmente fondamentale di un accordo di pace negoziato.

Baradar fu arrestato dall’Inter-Services Intelligence del Pakistan alla fine di gennaio o inizio di febbraio 2010 a Karachi Il Pakistan confermò l’arresto solo una settimana dopo e il ministro dell’Interno pakistano Rehman Malik negò le affermazioni secondo cui agenti statunitensi erano stati coinvolti nell’arresto.

Fu rilasciato a metà ottobre 2018. L’inviato speciale di Washington Zalmay Khalilzad disse di aver chiesto al Pakistan di liberarlo poiché credeva che potesse aiutare nel processo di pace dell’Afghanistan.

Nel gennaio 2019, circa tre mesi dopo che il Pakistan lo aveva rilasciato, Baradar fu nominato vice del leader supremo dei talebani e capo dell’ufficio politico dei talebani a Doha, in Qatar. Era il più anziano dei tre vice del leader, gli altri due erano Sirajuddin Haqqani e Mohammad Yaqoob. Sebbene fosse al servizio de il leader supremo Hibatullah Akhundzada, secondo The Economist e The Diplomat, Baradar era considerato il leader de facto dei talebani. Noto per il suo acume diplomatico e politico, il segretario di Stato Mike Pompeo lo definì “un giocatore molto sofisticato” in un incontro con l’allora presidente dell’Afghanistan, Ashraf Ghani.

Nel febbraio 2020, Baradar firmò l’accordo di Doha sul ritiro delle forze statunitensi dall’Afghanistan a nome dei talebani.

Il 17 agosto 2021 Baradar tornò in Afghanistan per la prima volta dopo la caduta del primo governo talebano nel 2001. Si diceva che sarebbe diventato presidente dell’Afghanistan dopo il rovesciamento del governo di Ashraf Ghani da parte dei talebani nell’agosto 2021. Il 23 agosto 2021, il direttore della CIA William J. Burns tenne un incontro segreto con Baradar a Kabul per discutere la scadenza del 31 agosto per il ritiro dell’esercito americano dall’Afghanistan.

Il 14 settembre 2021 si disse che Baradar non era stato visto in pubblico da diversi giorni e che forse era stato ferito o ucciso in lotte intestine per il potere nel nuovo governo afghano. Il giorno successivo fu rilasciata una videointervista a Baradar che smentiva le voci.

Il 15 settembre 2021, Baradar è stato elencato sulla rivista Time come una delle “100 persone più influenti nel 2021”. (fonte Wikipedia)

 

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi