Skip to main content

Fatima, Takar

Pubblicazione: 1 Gennaio 2023

Ho 35 anni e sono di Takar, una zona povera e dimenticata del Nord Est. Anni fa mio padre mi ha fatto sposare con un uomo di 60 anni che aveva moglie e sei figli.
Ero spaventata ma poi mio marito, un contadino, ha mostrato di essere un brav’uomo. Mi vuole bene. Mi protegge dalla sua famiglia che mi odia.
Per me sono nemici, tanti e forti. Mi dicono sempre: “Quando nostro padre morirà, ti butteremo fuori di casa, finalmente!” In questi anni mi sono ammalata. Ho un tumore alla gola che mi fa soffrire. Mio marito prende un po’ dei suoi guadagni per curarmi, così loro mi odiano sempre di più. Ho un figlio e una figlia ma i soldi per la scuola non ci sono. Mio marito non sta bene adesso e ho paura. Che sarà di me e dei miei figli quando lui morirà?
Ho bisogno di avere un po’ di soldi miei per curarmi e mandare i bambini a scuola e magari metterne un po’ da parte per quando lui non ci sarà più e io sarò sola contro tutti.

Aggiornamento

Quando il marito si ammala gravemente Fatima si rivolge ad Hawca, è molto spaventata per il suo futuro e quello dei suoi figli.
L’aiuto di Augusto, Nicoletta e Viviane, le dà un po’ di autonomia. Si sente più forte nella sua battaglia. Diventa fondamentale quando il marito muore e la famiglia si scatena.
La cacciano di casa ma si terranno i figli se non sposa un uomo della famiglia odiata. Fatima non ci sta. Lascia la casa del marito e va a vivere in un posto sicuro con i figli. Trova un lavoro come domestica. Il guadagno, insieme al denaro degli sponsor, le permette di vivere e di mandare a scuola i figli.
Ma è poco, non riesce a farsi aumentare il compenso e sta cercando qualcosa di più redditizio. La famiglia non smette di tormentarla, di riproporle il matrimonio con i parenti. La scelta di Fatima, per loro, è una vergogna. Per Fatima la salvezza, la rinascita. Non ci pensa proprio a tornare indietro.
È felice della sua nuova vita, della fine del suo incubo. Non avrebbe mai potuto farcela senza i suoi amici italiani, dice. Senza di loro non avrebbe avuto altra scelta che cedere al ricatto e consegnare la sua vita alla brutalità di quella famiglia, com’è destino per le vedove afghane.

Aggiornamento gennaio 2023

“Sfortunatamente, dice Shafiqa, non siamo riusciti a contattare Fatima. Abbiamo mobilitato tutte le nostre amicizie e conoscenze in Takhar, dove Fatima vive, e abbiamo sperato di trovare sue notizie recenti. Purtroppo non c’è niente di preciso e strade che possiamo seguire per contattarla. Queste persone hanno risposto di aver sentito dire che la famiglia è andata in Iran e che i loro parenti non sono in contatto con loro. Per ora, quindi, non c’è niente di nuovo. Speriamo tutti che stiano bene e che riescano a vivere meglio in Iran.”

————

Una storia del progetto Vite preziose.

La fotografia è di solo carattere grafico e non rappresenta la donna protagonista della storia. Data la attuale situazione in Afghanistan, per evitare l’identificazione delle donne i nomi sono stati modificati, così come i luoghi dove si svolgono i fatti.

 

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi