Skip to main content

Hekmatyar Gulbuddin

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

Gulbuddin Hekmatyar è nato il 1° agosto 1949

Cosa si dice di lui

Artur McCoy, professore alla Wisconsin University, ha accusato gli USA di aver sostenuto il traffico internazionale di droga di Hekmatyar in cambio della sua collaborazione antisovietica. (fonte Bearcave)
La ONG francese Medici Senza Frontiere riporta come, nel 1987, il gruppo di Hekmatyar abbia sequestrato un enorme carico di medicine per un villaggio del nord dell’Afghanistan. Nel 1992 i suoi bombardamenti contro il governo-fantoccio filorusso provocano solo a Kabul 50.000 morti civili.

Il New York Times lo ha definito “il più brutale di un gruppo di bruti”. Nonostante tutto ciò, nel 2017 l’ONU lo elimina dalla sua blacklist.

L’autore e giornalista della CNN Peter Bergen ha stimato che le sovvenzioni USA a Hekmatyar siano state di almeno 600 milioni di dollari.

La sua storia

Gulbuddin Hekmatyar, nato nel 1949, è un signore della guerra afghano, tristemente noto come “il macellaio di Kabul” o “Rocketyar” (da rocket, in inglese razzo, per i terribili bombardamenti da lui effettuati). È fondatore e leader del partito fondamentalista Hezb-e-Islami (1975). Durante gli anni ‘90 è stato due volte Primo Ministro.
Studente d’ingegneria all’Università di Kabul, negli anni 70 Hekmatyar si avvicina all’islamismo tramite i Giovani Musulmani e i Fratelli Musulmani di Saydd Qutb. È noto che, durante l’università, abbia organizzato diversi attentati con l’acido a danno di studentesse, di cui non approvava l’accesso all’istruzione. (fonte Jones, Seth G. (2010). In the Graveyard of Empires: America’s War in Afghanistan. W. W. Norton & Company. pp. 32–33. ISBN 9780393071429)
Durante l’invasione sovietica gli USA sovvenzionano (tramite l’Inter-Services Intelligence pakistana) il suo partito di mujahideen Hezb-e-Islami, che si oppone all’URSS.

Sempre negli anni ‘90 collabora con Bin Laden, successivamente autore dell’attacco dell’11 settembre. (fonte: Bergen, Peter L., Holy war, Inc.: Inside the Secret World of Osama bin Laden, New York: Free Press, 2001, pp. 70–71)
Durante il governo dei talebani, il macellaio di Kabul fugge in Iran e, in seguito alla loro caduta nel 2001, si reca in Pakistan per organizzare una campagna contro il governo di Karzai, che risulta però fallimentare.
Il 10 febbraio 2003 è lo stesso governo afghano a denunciare alla comunità internazionale la collaborazione di Hekmatyar con i talebani e Al-Quaeda. Gli USA, che ormai non ne hanno più controllo, il 19 febbraio 2003 lo definiscono “terrorista globale”.
Il suo supporto a Bin Laden diventa ufficiale nel 2006, in un video trasmesso da Al Jazeera.
Il 22 settembre 2016 firma un accordo di pace con il governo e rientra in Afghanistan, acclamato da numerosi parlamentari in carica. Human Rights Watch definisce questo perdono “un insulto alle innumerevoli vittime dei suoi gravissimi abusi”. (fonte The Guardian)

Vedi anche – Human Rights Watch

————–

Dopo l’agosto 2021, si dice che Gulbuddin Hekmatyar e la sua organizzazione abbiano aderito al Consiglio di riconciliazione formato dai talebani. Ha espresso il suo sostegno ai talebani nel settembre 2021 anche se lui e il suo partito non saranno inclusi nel governo. Nell’ottobre 2022, Hekmatyar ha tenuto un sermone a Kabul secondo cui i colloqui di Bonn (2001) e Doha (2019-2020) non sono riusciti a portare la pace in Afghanistan a causa dell’influenza degli “stranieri”. Ha proposto colloqui intra-afgani per formare un governo inclusivo che sostituisca l’attuale governo talebano ad interim. (Fonte Wikipedia)

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi