Skip to main content

Ghani Ashraf

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

Ashraf Ghani nasce a Lowgar (Afghanistan) il 19 maggio 1949.

  • entra a far parte della Banca mondialedal 1991 al 2001
  • Ministro delle finanze da luglio 2002 a dicembre 2004
  • Cancelliere dell’Università di Kabul nel 2005
  • candidato presidenziale nel 2009 non eletto
  • Capo del processo di transizione elettorale  nel 20110
  • Consigliere senior del presidente Karzai nel 2011
  • Consigliere senior e responsabile del processo di transizione dal 2011 al 2013
  • Candidato alle presidenziali nel 2014
  • 14° presidente dell’Afghanistan dal 29 settembre 2014
  • Candidato alle presidenziali del 2019
  • il 15 agosto 2021 fugge dall’Afghanistan insieme alla sua famiglia per dirigersi negli Emirati Arabi Uniti.

Cosa si dice di lui

Corruzione

Con un tratto di penna, il presidente afghano Ashraf Ghani ha messo suo fratello nel business della cromite con un appaltatore della difesa statunitense con reputazione screditata. Ghani ha concesso a una sussidiaria SOSi, Southern Development nota anche come SODEVCO, i diritti per l’acquisto di minerale estratto artigianalmente.

Alla fine del 2019, SOS International (SOSi), una società con sede in Virginia e con collegamenti con apparati militari e di intelligence statunitensi, ha ottenuto l’accesso esclusivo a varie miniere in tutto l’Afghanistan. Come parte dell’accordo, la famiglia di Ghani ha ottenuto qualcosa in più. Un’indagine OCCRP ha scoperto che il fratello del presidente, Hashmat Ghani, possiede una partecipazione significativa in Southern Development, che gestisce un impianto di lavorazione dei minerali alla periferia di Kabul. La concessione rappresenta un conflitto sia per il leader afghano che per il governo degli Stati Uniti. “Entrare in questa relazione in Afghanistan, un paese con una reputazione diffusa per la corruzione, e ottenere vantaggi unici da essa, è sospetto”, ha detto Jessica Tillipman, assistente decano del Government Procurement Law Program presso la George Washington University.

I talebani e gli altri gruppi armati hanno combattuto sia contro il governo centrale che tra di loro per il controllo delle miniere, usandolo per finanziare le loro insurrezioni. Persino l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump desiderava l’oro, il litio, l’uranio e le altre ricchezze minerali dell’Afghanistan. Nel 2017, Trump è stato convinto a mantenere le truppe nel paese da Ashraf Ghani, che gli ha fatto prospettare la possibilità di contratti minerari per le società americane. (fonte: OCCRP (Organized Crime and Corruption Reporting Project)

Diritti umani

Nel dicembre 2016 il presidente afghano Ashraf Ghani ha promesso di proteggere i diritti dei difensori e degli attivisti dei diritti umani. “La protezione dei difensori dei diritti umani è di esclusiva responsabilità del mio governo e dei suoi rami legislativi e giudiziari”, ha dichiarato in una conferenza dell’AIHRC. Lungi dal mantenere questo impegno, il governo stesso è stato responsabile di intimidazioni, molestie e minacce contro i difensori e gli attivisti dei diritti umani. Nel giugno 2016 le autorità afghane hanno represso con un eccesso di forza una protesta contro le vittime civili nel conflitto che si svolgeva nella piazza Zanbaq di Kabul. Uno degli organizzatori ha detto ad Amnesty International che in una precedente protesta era stato contattato dall’ufficio del Presidente per essere avvertito di sgombrare le tende dei manifestanti perché potevano essere “sotto attacco” da gruppi armati – cosa che ha interpretato come una minaccia. Nel maggio 2017, in vista della presa in esame del problema della tortura in Afghanistan da parte dell’Onu, un gruppo della società civile è stato costretto a rimuovere dal suo “rapporto ombra” i nomi degli alti funzionari governativi che vi erano menzionati. (fonte Osservatorio Afghanistan)

L’offerta di Ghani che il suo paese aderisca al Consiglio dei diritti umani è stata minata dallo scarso rendimento del suo governo dinanzi al Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura ad aprile. I membri del comitato hanno criticato la delegazione afghana sul ben documentato fallimento del governo nel frenare la tortura. Un membro del comitato ha chiesto esplicitamente al procuratore generale dell’Afghanistan, Farid Hamidi, cosa stesse facendo il governo riguardo al generale Abdul Raziq, il cui nome è diventato sinonimo di tortura sistematica, esecuzioni extragiudiziali e sparizioni forzate. Raziq è il capo della polizia di Kandahar, e il comitato ha preso atto di numerose segnalazioni di detenuti a Kandahar che hanno accusato torture o maltrattamenti, tra cui “soffocamento, schiacciamento dei testicoli, acqua pompata con forza nello stomaco e scosse elettriche”.

Nonostante la dichiarazione di Ghani del 2015 di porre fine alla tortura nel paese, i dati di Unama (Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan) indicano che essa è in aumento, le sue statistiche dimostrano che il 39% dei detenuti della polizia e dell’agenzia di intelligence sono torturati in custodia.

L’appassionata retorica sui diritti umani di Ghani è molto insufficiente nella pratica. Gli afgani non prenderanno sul serio Ghani sulla protezione dei diritti finché non inizierà a colmare il divario enorme tra retorica e realtà adottando misure significative per porre fine alla tortura sistematica e ritenendone responsabili la polizia e le altre forze di sicurezza. (fonte Human Rights Watch)

Ancora nessuna salvaguardia per fermare la tortura in Afghanistan. Sono passati cinque anni da quando il presidente afghano Ashraf Ghani ha annunciato che il suo governo “non avrebbe tollerato la tortura”. Se così fosse, l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite non sarebbe necessario. Invece, il rapporto documenta l’incapacità del governo di attuare anche le più elementari salvaguardie contro la tortura e altri maltrattamenti in Afghanistan. Ciò che è chiaro è che il governo ha svolto poche indagini e procedimenti giudiziari contro la polizia e altro personale delle forze di sicurezza accusati di ricorrere alla tortura contro i detenuti, nonostante le modifiche al codice penale rendano la tortura un crimine. (fonte ECOI (European Country of Origin Information Network)

Talebani e signori della guerra

Il 22 settembre 2016 è stata firmata una bozza di accordo di pace tra il governo di Ashraf Ghani e il movimento Hezb-e-Islami (Hia) guidato dall’oggi quasi 70enne Gulbuddin Hekmatyar, meglio noto come “il macellaio di Kabul”.

Le foto che circolano sui social media mostrano Haji Mali Khan, Hafiz Rashid e Anas Haqqani, tre autorevoli esponenti dei Talebani, pronti a uscire dalla prigione. In cambio del rilascio dello statunitense Kevin King, 63 anni, e dell’australiano Timothy Weeks, 50, due docenti della American University of Afghanistan sequestrati a Kabul nel 2016. Un boccone amaro, una scelta «difficile ma necessaria», l’ha definita ieri il presidente Ashraf Ghani annunciando lo scambio di prigionieri in diretta televisiva. Assicura che servirà a favorire la pace e il negoziato diretto con i Talebani, che finora hanno preferito parlare con Washington – arrivando quasi alla firma di un accordo – , non con Kabul.  (13-11- 2019) (fonte Il manifesto)

Il presidente afghano Ashraf Ghani, dopo essersi opposto per giorni, ieri ha firmato un decreto che autorizza il rilascio di 1.500 detenuti talebani (marzo 2020). Sono meno di un terzo dei 5mila di cui gli studenti coranici invocano la liberazione. (fonte Osservatorio Afghanistan)

In un’intervista a Vice News, Ghani ha affermato che “il suo cuore si spezza per i talebani”. Ha inoltre affermato che “i talebani sono afghani ed lui è il presidente di tutti gli afgani”. Ashraf Ghani ha anche affermato di essere disposto a offrire passaporti afgani ai talebani e a riconoscerli come un gruppo politico legittimo in Afghanistan, come tentativo di concludere un accordo di pace con loro.

Nel marzo 2021, nel tentativo di far avanzare i colloqui di pace, Ghani ha espresso la sua intenzione di convincere i talebani a tenere nuove elezioni e consentire la formazione di un nuovo governo attraverso un processo democratico. (fonte Wikipedia)

La sua storia

Ghani è nato il 19 maggio 1949 nella provincia di Logar in Afghanistan. Appartiene alla tribù Ahmadzai Pashtun. Come studente di un programma di scambio all’estero, Ashraf ha frequentato la Lake Oswego High School a Lake Oswego in Oregon; si è laureato nel 1967. Inizialmente voleva studiare legge ma poi ha cambiato la sua specializzazione in Antropologia culturale. Ghani ha frequentato l’università americana di Beirut dove ha conseguito la laurea nel 1973 e, successivamente, ha frequentato la Columbia University, dove ha conseguito il master nel 1977 e un dottorato di ricerca nel 1983. Ha incontrato la sua futura moglie Rula mentre studiava là.

Dopo la laurea ha prestato servizio presso la facoltà dell’Università di Kabul (1973-1977) e dell’università di Aarhus in Danimarca (1977). Dopo il dottorato di ricerca è stato invitato a insegnare all’Università di California a Berkeley nel 1983, e poi alla Johns Hopkins University dal 1983 al 1991. Ha anche frequentato l’Harvard – INSEAD e la World Bank – stanford Graduate School of Business. La sua ricerca accademica riguardava la costruzione dello stato e la trasformazione sociale. Nel 1985 ha completato un anno di ricerca sulle madrasse pakistane come Fulbright Scholar recandosi sul posto.

È entrato a far parte della Banca mondiale nel 1991, lavorando a progetti nell’Asia orientale e meridionale durante la metà degli anni ’90.

Tornato in Afghanistan dopo 24 anni nel dicembre 2001, Ghani ha lasciato i suoi incarichi presso le Nazioni Unite e la Banca mondiale per unirsi al nuovo governo afghano come consigliere principale del presidente Hamid Karzai il 1° febbraio 2002.

Dopo aver lasciato l’Università di Kabul, Ghani ha co-fondato l’Institute for State Effectiveness con Clare Lockhart, di cui era presidente.

Ghani è stato indicato come candidato a succedere a Kofi Annan come Segretario Generale delle Nazioni Unite alla fine del 2006 in un articolo in prima pagina sul Financial Times, è stato citato anche da Carlos Pascual della Brookings Institution, che ha elogiato “l’enorme intelletto, talento e capacità” di Ghani.

A differenza di altri grandi candidati, Ghani ha chiesto alla diaspora afghana di sostenere la sua campagna e fornire sostegno finanziario. Nominò Mohammed Ayub Rafiqi come uno dei suoi vicepresidenti candidati, e pagò il noto capo stratega della campagna di Clinton, James Carville, come consigliere della campagna. I risultati preliminari hanno posizionato Ghani al quarto posto ottenendo circa il 3% dei voti.

Dopo aver annunciato la sua candidatura per le elezioni del 2014, Ghani ha contattato il generale Abdul Rashid Dostum, un importante politico uzbeko ed ex ufficiale militare nel governo di Karzai, e il danese Sarwar, un di etnia Hazara, che ha anche servito come ministro della Giustizia nel gabinetto di Karzai, come suoi candidati alla vicepresidenza.

Dopo che nessuno dei candidati è riuscito a ottenere più del 50% dei voti al primo turno delle elezioni, Ghani e Abdullah Abdullah, i due primi classificati al primo turno, si sono sfidati al ballottaggio, che si è tenuto il 14 giugno 2014.

I primi risultati delle elezioni di ballottaggio hanno mostrato Ghani come il favorito in modo schiacciante. Tuttavia, le accuse di frode elettorale si sono tradotte in una situazione di stallo, minacce di violenza e la formazione di un governo parallelo da parte del campo del suo avversario, Abdullah Abdullah. Il 7 agosto 2014 il Segretario di Stato americano John Kerry è volato a Kabul per mediare un accordo per la formazione di un governo di unità nazionale con un nuovo ruolo di amministratore delegato che avrebbe svolto funzioni significative all’interno dell’amministrazione del presidente. Dopo una verifica durata di tre mesi, con la supervisione dalle Nazioni Unite e con il sostegno finanziario degli Stati Uniti, la Commissione elettorale indipendente ha annunciato Ghani come presidente dopo che ha accettato un accordo di unità nazionale. Inizialmente la commissione elettorale ha detto che non avrebbe annunciato formalmente risultati specifici. Successivamente ha rilasciato una dichiarazione in cui si affermava che Ghani è riuscito a ottenere il 55,4% e Abdullah Abdullah il 43,5%, sebbene abbia rifiutato di rilasciare i risultati del voto individuale.
Nel settembre 2019, un’esplosione vicino a una manifestazione elettorale alla quale partecipava il presidente Ashraf Ghani ha ucciso 24 persone e ne ha ferite altre 31, ma Ghani è rimasto illeso.

Nel 2015, un sondaggio condotto dal canale di notizie afgano TOLO News ha mostrato che la popolarità di Ashraf Ghani in Afghanistan era diminuita drasticamente, con solo il 27,5% degli intervistati che si dichiarava soddisfatto della sua leadership.

Ghani è stato rieletto nelle elezioni presidenziali del 28 settembre 2019 ma è stato annunciato vincitore, dopo un lungo processo, nel febbraio 2020 e ha prestato giuramento per un secondo mandato il 9 marzo 2020. (fonte Wikipedia)

————-

Quando i talebani prendono il controllo il 15 agosto 2021, Ghani lascia immediatamente l’Afghanistan con la moglie e due stretti collaboratori per trovare poi rifugio negli Emirati Arabi Uniti. Le Nazioni Unite hanno rimosso il nome di Ghani dalla lista dei capi di stato il 15 febbraio 2022. Nel maggio 2022, l’ispettore generale speciale per la ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR) ha pubblicato un rapporto sul crollo dell’esercito nazionale afghano (ANA) e del governo afghano. Il SIGAR ha descritto Ghani come un “presidente paranoico … spaventato dai suoi stessi connazionali” e che molti dei licenziamenti di Ghani di alti generali militari “hanno minato il morale” dell’ANA. Il rapporto SIGAR riportava anche che Ghani temeva che gli Stati Uniti stessero “tramando un colpo di stato” contro di lui. (fonte Wikipedia)

 

credit foto: original author: Mueller /MSC – Questo file è stato ricavato da un’altra immagine – Creative Commons Attribution 3.0 de

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi