Skip to main content

Hotak Abdul Rahman Mawlawi

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

Mawlawi Abdul Rahman Hotak proviene dal distretto di Shinkay, provincia di Zabul; non è nota la data di nascita.

  • Vice ministro dell’informazione o della cultura durante il periodo talebano
  • Partecipante alla conferenza di Bonn (2011)
  • Capo dell’Organizzazione afgana per i diritti umani e la protezione ambientale (AOHREP) 2012
  • Commissario dell’AIHRC, Commissione indipendente afgana per i diritti umani, 2013

Cosa si dice di lui

Mawlawi Abdul Rahman Hotak proviene dal distretto di Shinkay, provincia di Zabul. Si è laureato in una madrassa di Quetta (Pakistan) ed è presumibilmente vicino a Inter Service Intelligence (ISI, Pakistan).
Si dice che abbia precedentemente lavorato per i talebani, come ha affermato la Rete della società civile e dei diritti umani (CSHRN). Lui ha affermato di non essere stato un combattente talebano, ma solo l’editore di un giornale pubblicato a Kandahar durante l’era talebana. Hotak lavorava in un giornale (TOLO-e-Afghan) nella provincia di Kandahar. Dopo che i talebani sono arrivati ​​a Kabul, ha lavorato nel ministero dei Trasporti. Successivamente è stato imprigionato per tre anni nella prigione di Bagram e poi rilasciato. Durante l’era del presidente Karzai, divenne membro del Consiglio degli ulema.(20130627) (fonte Who is who in Afghanistan).

(Kabul) – “Il presidente Hamid Karzai dovrebbe immediatamente licenziare Abdul Rahman Hotak, recentemente nominato membro della Commissione indipendente per i diritti umani dell’Afghanistan (AIHRC), viste le sue dichiarazioni in opposizione alla legge afghana sull’eliminazione della violenza contro le donne”, ha detto oggi Human Rights Watch. La legge afghana sull’eliminazione della violenza contro le donne è nota come legge EVAW.

Hotak ha detto al New York Times che “Le persone che hanno scritto quella legge non conoscono molto bene l’Afghanistan e la società afghana – forse pensano che Kabul sia l’Afghanistan”. Ha detto a Reuters che a suo avviso la legge EVAW sta “violando l’Islam” e che ci deve essere una legge con cui le persone siano “a proprio agio”.

In precedenza Hotak era membro del governo talebano al potere fino al 2001 e ha perseguito pratiche che violavano e limitavano regolarmente i diritti fondamentali delle donne. Il presidente Karzai ha nominato Hotak, insieme ad altri quattro nuovi commissari, nell’AIHRC nel giugno 2013. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e Human Rights Watch hanno entrambi criticato le nomine per non aver rispettato gli standard richiesti per le nomine alle istituzioni nazionali per i diritti umani, in base alle norme sui diritti umani.

La legge EVAW dell’Afghanistan del 2009 criminalizza gli abusi sulle donne, inclusi stupri, matrimoni precoci, matrimoni forzati, vendita di donne e violenza domestica, e in molti casi per la prima volta in Afghanistan. Sebbene l’applicazione della legge sia stata lenta e irregolare, la legge è ampiamente riconosciuta come uno dei risultati più importanti nello sforzo di ricostruire i diritti delle donne in Afghanistan nell’era post-talebana.

“C’erano molti dubbi sull’idoneità del signor Hotak per questo lavoro – e il signor Hotak li ha appena chiariti”, ha detto Brad Adams, direttore per l’Asia. “Il presidente Karzai ha nominato una volpe a guardia del pollaio. L’unica soluzione è che venga rimosso e sostituito con un nuovo commissario che protegga effettivamente i diritti umani “.

Rappresentanti delle nazioni donatrici si sono incontrati questa settimana a Kabul per discutere il seguito della conferenza di Tokyo del luglio 2012 sull’Afghanistan. Alla conferenza di Tokyo, il governo afghano e i donatori avevano concordato un “quadro di responsabilità reciproca” per disciplinare i futuri contributi agli aiuti all’Afghanistan. Nell’ambito di tale quadro, il governo afghano, in cambio dell’assistenza dei donatori, si era impegnato a far rispettare la legge EVAW e a consentire all’AIHRC di svolgere le sue funzioni. (fonte Da Human Rights Watch)

Poiché c’è stata molta confusione sull’ultimo nuovo membro dello staff, Mawlawi Abdul Rahman Hotak, la sua biografia è più lunga delle altre. Mawlawi Hotak è di Zabul. Secondo il suo racconto, era troppo giovane per combattere nel jihad degli anni ’80; era un rifugiato in Pakistan, dove aveva un’istruzione mista, frequentando la scuola primaria e una madrassa; si diplomò all’Università di Karachi. È tornato in Afghanistan nei primi tempi dei talebani. Fonti indipendenti lo hanno indicato come un collaboratore nella segreteria del Mullah Omar nei primissimi e piuttosto caotici giorni del movimento – egli stesso afferma di essere stato a capo del dipartimento dell’Istruzione a Kandahar e fondatore del quotidiano Tolo-ye Afghan [nota: questo giornale è stato fondato prima della seconda guerra mondiale; è stato pubblicato a fasi alterne sotto vari regimi e i talebani hanno continuato (o ripreso) a farlo funzionare … quindi forse Hotak era il suo editore]. È arrivato a Kabul poco dopo l’ascesa dei talebani nel 1996 e ha lavorato presso il ministero dei Trasporti di Kabul come capo dipartimento. Ha lasciato il governo talebano, ha detto, poco più di un anno dopo a causa di disaccordi politici.

Dopo la caduta dei talebani, fu delegato alla Loya Jirga appena costituita, fu membro del Consiglio degli ulema e consigliere del ministero dell’Istruzione. È stato arrestato nella sua casa a Zabul nel 2006/07 dalle forze statunitensi e portato a Bagram. È stato rilasciato senza dover affrontare alcuna accusa tre anni dopo e con una buona padronanza dell’inglese. Al suo rilascio, è diventato di nuovo un membro del Consiglio degli ulema. Attualmente lavora presso il Dipartimento Curriculum che supporta il Ministero dell’Istruzione. (fonte Afghan Anallysts Network)

Il controverso passato di Hotak, comprese le voci di essere stato un aiutante del leader dei talebani con un occhio solo, il mullah Mohammad Omar, ha sollevato allarme tra gli attivisti per i diritti civili, tra cui Human Rights Watch con sede a New York e le commissioni per i diritti delle Nazioni Unite.

Anche prima che i talebani diventassero una formidabile forza post-guerra civile nel 1994, Hotak era il caporedattore del quotidiano talebano Afghan Sunrise nella provincia meridionale di Kandahar, dove è stato fondato il movimento islamista.

Hotak nega di aver servito direttamente sotto Omar e dice di essersi unito al movimento radicale nei suoi primi giorni per “servire il suo paese” e aiutarlo a riprendersi da decenni di sanguinosa guerra civile che aveva lasciato gran parte di Kabul in rovina.

Ma dice di non essere mai stato d’accordo con gran parte dell’ideologia oppressiva durante il governo talebano tra il 1996 e il 2001, che vietava alle donne qualsiasi lavoro e l’istruzione, oltre al voto, decretandole anti-islamiche e imponendo dure punizioni per le violazioni.

“Tutti in Afghanistan avevano legami con un gruppo o un altro e io non sono un’eccezione”, ha detto Hotak.

Hotak, in segno di moderazione, ha accettato di stringere la mano a una giornalista, cosa insolita in Afghanistan per i membri dei talebani passati e presenti.

Ma ha anche espresso scetticismo circa l’eliminazione della violenza contro le donne contenuta nella nuova legislazione in preparazione dal 2005, che ha suscitato scalpore in parlamento. Se approvate, le leggi metterebbero fuori legge il matrimonio forzato o minorile, così come lo stupro e la violenza contro le donne, anche all’interno delle famiglie.

“Il nostro terzo emendamento dice che nessuna legge può violare l’Islam, ma ora abbiamo questa legge che viola l’Islam”, ha detto Hotak. “È necessario adottare una legge che i musulmani e la società civile possano accettare, in modo che le persone si sentano a proprio agio con la legge”.

I legislatori di ispirazione religiosa si sono precedentemente opposti ad almeno 8 dei 22 articoli della legislazione, inclusi il mantenimento dell’età legale a 16 anni perché le donne possano sposarsi, l’esistenza di rifugi per vittime di abusi domestici e il dimezzamento a 2 del numero di mogli consentite. (fonte Reuters)

 

Eventi in Febbraio 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
29 Gennaio 2024
30 Gennaio 2024
31 Gennaio 2024
1 Febbraio 2024
2 Febbraio 2024(1 event)
3 Febbraio 2024
4 Febbraio 2024
5 Febbraio 2024
6 Febbraio 2024
7 Febbraio 2024
8 Febbraio 2024
9 Febbraio 2024
10 Febbraio 2024
11 Febbraio 2024
12 Febbraio 2024
13 Febbraio 2024
14 Febbraio 2024
15 Febbraio 2024
16 Febbraio 2024(1 event)

Donne resistenti – Diritti negati e lotta di liberazione delle donne afghane


16 Febbraio 2024

Colonia (Germania) – Associazione Mondo Aperto – Offene Welt e.V.
Zugweg 22
Colonia, Germania 50677
17 Febbraio 2024
18 Febbraio 2024
19 Febbraio 2024
20 Febbraio 2024
21 Febbraio 2024
22 Febbraio 2024
23 Febbraio 2024
24 Febbraio 2024
25 Febbraio 2024
26 Febbraio 2024
27 Febbraio 2024
28 Febbraio 2024
29 Febbraio 2024
1 Marzo 2024
2 Marzo 2024
3 Marzo 2024

Vai agli Eventi