Skip to main content

Haqqani Sirajuddin

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

È nato tra il 1973 e il 1979, è figlio di Jalaluddin Haqqani, fondatore della rete Haqqani, e nipote di Sirajuddin Haqqani. Dal 7 settembre 2021 è ministro degli Interni.

Cosa si dice di lui

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha designato Sirajuddin Haqqani come Terrorista Globale Specialmente Identificato ai sensi dell’Executive Order 13224 nel marzo 2008. (fonte Reward for Justice)

Il programma Rewards For Justice, del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, offre una ricompensa fino a 10 milioni di dollari per informazioni che conducano direttamente all’arresto di Sirajuddin Haqqani.

Secondo quanto riferito, è un leader di alto livello, capo anziano della rete Haqqani e mantiene stretti legami con i talebani e al Qaeda. Haqqani è stato appositamente designato un terrorista globale.

Sirajuddin Haqqani è ricercato per essere interrogato in relazione all’attacco del gennaio 2008 a un hotel a Kabul, in Afghanistan, che ha ucciso sei persone, tra cui un cittadino americano. Si ritiene che abbia coordinato e partecipato ad attacchi transfrontalieri contro gli Stati Uniti e le forze della coalizione in Afghanistan. Haqqani sarebbe stato anche coinvolto nella pianificazione dell’attentato al presidente afghano Hamid Karzai nel 2008.

Deve essere considerato armato e pericoloso (fonte FBI)

Haqqani ha ammesso di aver pianificato l’attacco del 14 gennaio 2008 contro il Serena Hotel di Kabul in cui sono morte sei persone, incluso lo statunitense Thor David Hesla

Haqqani ha confessato la sua organizzazione e direzione della pianificazione di un tentativo di assassinare   Hamid Karzai, previsto per aprile 2008

Le sue forze sono state accusate dalle forze della coalizione di aver compiuto l’attentato di fine dicembre 2008 a Kabul, in Afghanistan, in una caserma afgana vicino a una scuola elementare che ha ucciso diversi scolari, un soldato e una guardia. Nessun personale della coalizione è stato colpito.

Nel novembre 2008 il giornalista del New York Times, David S. Rohde, è stato rapito in Afghanistan. Si ritiene che i suoi primi rapitori fossero interessati esclusivamente ad un riscatto. Si dice che Sirajuddin Haqqani sia stato l’ultimo rapitore di Rohde prima della sua fuga.

Nel marzo 2010, Haqqani è stato descritto come uno dei leader della “Quetta Shura dei talebani”.

Nel 2010 ha pubblicato un libro di 144 pagine in lingua pashtu, un manuale di addestramento intitolato “Lezioni militari a beneficio dei mujahidin”, dove appare più radicale dei talebani in quanto mostra influenze da al Qaida, sostenendo la decapitazione e gli attentati suicidi, prendendo di mira l’Occidente, chiedendo ai musulmani di “mischiarsi, radersi, indossare abiti occidentali, essere pazienti” (fonte Wikipedia)

La sua storia

Sirajuddin “Siraj” Haqqani (alias “Khalifa”) è nato tra il 1973 e il 1978 in Afghanistan. È un signore della guerra pashtun della tribù Jadran e leader militare che combatte contro le forze americane e della coalizione, dalla sua base nel nord Waziristan in Pakistan, dove si dice che fornisca rifugio agli agenti di Al Qaeda.

Suo padre è Jalaluddin Haqqani, un famoso mujaheddin e capo militare delle forze filo-talebane in Afghanistan e Pakistan. Le sue forze sono state accusate dalle forze della coalizione di aver eseguito l’attentato di fine dicembre 2008 a Kabul in Afghanistan, in una scuola elementare vicino ad una caserma, che ha ucciso diversi scolari, un soldato e una guardia; nessuna della coalizione o personale statunitense è stato colpito.

Figlio di Jalaluddin Haqqani, ha assunto progressivamente sempre di più il controllo delle operazioni quotidiane della rete Haqqani dalla sua base tribale pakistana nel Waziristan settentrionale. Sirjuddin Haqqani, il capo della rete Haqqani, è fratello di Anas Haqqani.

Il giovane Haqqani appartiene alla nuova generazione di insorti afgani, che contribuiscono a trasformare i combattenti talebani, scarsamente istruiti e in gran parte rurali, in una forza di combattimento sofisticata.

In un’intervista del gennaio 2010 al Wall Street Journal, un ufficiale dell’ISI in pensione Brig. Amir Sultan Tarar noto come Col. Imam, ha riferito che, mentre suo padre era una figura di spicco nella jihad antisovietica, il giovane Sirajuddin, in gioventù non era un combattente notevole

Dopo la caduta dei talebani nel 2001, nei circoli militari statunitensi, si sperava che l’anziano Haqqani si unisse alle operazioni guidate dalla NATO in Afghanistan. In seguito alla nuova politica negoziale con i talebani sono stati compiuti alcuni tentativi per raggiungere un accordo con la dirigenza della rete Haqqani. Ma gli alti funzionari dell’intelligence statunitense affermano che tali colloqui sono molto più difficili sotto la guida del giovane Haqqani poiché gli mancano le radici profonde e il pragmatismo di suo padre.

Il giovane Haqqani, come il Mullah Zakir e altri leader talebani della sua generazione, segue un’ideologia islamista più estremista. Era anche ansioso di minimizzare i legami di suo padre con la CIA.
Nonostante la rete Haqqani sia stata creata distinta e separata con sponsor nella regione del Golfo e con i vecchi alleati in Pakistan che gli hanno permesso di mantenere una certa autonomia di azione, è parte integrante del movimento talebano e non un’entità o organizzazione a prescindere da essa. Nel più ampio movimento talebano, che è una rete di reti, quella di Haqqani è solo una delle sue più grandi e certamente la più nota. (2012.09.23)

L’FBI ha offerto una ricompensa fino a $ 5 milioni per informazioni che portano direttamente all’arresto di Haqqani. L’FBI ha detto che è collegato a un attacco a Kabul nel 2008 che ha ucciso un cittadino americano e si ritiene che sia stato coinvolto in attacchi transfrontalieri contro le truppe statunitensi e le forze della coalizione in Afghanistan. [ultimo aggiornamento 2021-12-12] (fonte Afghan bios)

Nel periodo precedente alla presa del potere dei talebani, agosto 2021, Haqqani è stato comunque impegnato nella gestione della rete e degli attentati da questa messi in atto (vedi Rete Haqqani).

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi