Skip to main content

Seraj Mahbouba

Pubblicazione: 1 Agosto 2023

Giornalista nata nel 1948 a Kabul, è di stirpe reale (nipote del re Amanullah Khan)

Cosa si dice di lei

La Coalition of Afghanistan Protesting Women (CAPW) afferma che Mahbouba Seraj non merita di essere una potenziale candidata al prestigioso Premio Nobel per la Pace. In un comunicato, la CAPW ha chiesto al Peace Research Institute di Oslo (PRIO) di rimuovere il nome di Mahbouba Seraj dalla candidatura al Premio Nobel per la Pace.

Il Peace Research Institute di Oslo ha annunciato mercoledì che Mahbouba Seraj e Narges Mohammadi, un’attivista umana iraniana attualmente detenuta dal regime islamico, sono state proposte per il prestigioso riconoscimento al Comitato del Premio Nobel per la Pace. In un comunicato, il CAPW ha chiesto a Henrik Urdal, direttore dell’Istituto di ricerca sulla pace di Oslo: “Mahbouba Seraj non ha compiuto sforzi sostanziali per ripristinare la pace e la libertà delle donne afghane sotto il regime talebano, né ha fatto nulla per aiutare le donne a partecipare all’istruzione, al lavoro o alla vita pubblica”.

Si sostiene inoltre che la signora Seraj abbia agito in contrasto con le richieste delle donne afghane in protesta e si sia avvicinata a un noto lobbista del regime talebano all’interno dell’Afghanistan e all’estero. Il CAPW ha chiesto al direttore del Peace Research Institute di Oslo e ai membri del comitato di selezione del Premio Nobel per la Pace di non minare i valori del prestigioso premio e di rimuovere il nome di Mahbouba Suraj dalla lista dei candidati.

Mahbouba Seraj è una giornalista, attivista per i diritti delle donne, fondatrice e presidente di un’organizzazione chiamata “Organization for Research in Peace and Solidarity”. È una delle poche sostenitrici dei diritti delle donne rimaste a Kabul dopo la presa del potere da parte dei Talebani nell’agosto 2021 e sostiene la risoluzione dei problemi con il regime talebano attraverso i negoziati.

Il Peace Research Institute di Oslo sostiene i negoziati con i Talebani e invita la comunità internazionale a prestare maggiore attenzione alla grave situazione umanitaria in Afghanistan. (5-2-2023) (fonte The Khaama Press News Agency)

Nota della redazione: quello che viene riportato nella sua storia è preso dal sito dell’associazione di cui la Seraj è direttrice esecutiva per cui è autoreferenziale.

La sua storia

Mahbouba Seraj è nata a Kabul, in Afghanistan. Si è diplomata alla Malalai High School for girls e all’Università di Kabul.   Dopo 26 anni di esilio, è tornata nel suo amato Afghanistan alla fine del 2003 e da allora lavora con le donne e i bambini del Paese. È l’ideatrice e l’annunciatrice di un programma radiofonico per donne intitolato “Our Beloved Afghanistan by Mahbouba Seraj”, trasmesso in tutto l’Afghanistan. Ha anche istituito dei Circoli di ascolto femminile nei villaggi dell’Afghanistan, dove le donne si riunivano per ascoltare e discutere diversi argomenti di programmi radiofonici precedentemente registrati. È stata un’instancabile sostenitrice dei diritti delle donne, spingendo per la loro partecipazione alla Jirga di pace e all’Alto Consiglio di pace. Insieme ad altre sostenitrici è stata responsabile dell’aumento della partecipazione delle donne alla conferenza BONN del 2011 e alla conferenza di Tokyo del 2012 su “L’Afghanistan dopo il 2014”. E ora per la loro partecipazione ai colloqui di pace afghani con i Talebani e gli Stati Uniti.

È fondatrice e presidente di un’organizzazione chiamata “Organizzazione per la ricerca sulla pace e la solidarietà” o ORPS, che crea discussioni tra i giovani, fa ricerche e sondaggi sul significato di pace e solidarietà in quasi tutte le province dell’Afghanistan, è un’instancabile sostenitrice contro la corruzione a tutti i livelli e ritiene che la corruzione sia la madre di tutti i mali in Afghanistan e nel mondo. La Comunità internazionale e l’esercito afghano possono vincere qualche battaglia qua e là, ma alla fine perderanno la guerra se non si fa nulla per fermare la corruzione, perché è la corruzione che alimenta e rafforza i Talebani, l’ISIS e altri gruppi simili in tutto il mondo. È stata membro del Consiglio esecutivo e presidente dell’Afghan Women Network o AWN, la più grande rete di donne in Afghanistan. Dal 2013 è coinvolta nel processo New Deal for Fragile States e fa parte del Consiglio di consulenza per la DN presso il Ministero delle Finanze.

È molto interessata all’istruzione; i suoi lavori recenti, attraverso i suoi progetti di consulenza, hanno riguardato due studi sulla partecipazione delle ragazze all’istruzione superiore e, più recentemente, la co-produzione di uno studio sull’istruzione terziaria per le donne afghane. Seraj è anche una scrittrice, collabora con l’Huffington Post ed è coautrice con Anne Jones di Tom Dispatch, dove scrive della situazione politica in Afghanistan e dell’Asia centrale e sudorientale. Dopo due anni di assenza dal suo lavoro di advocacy in Afghanistan, è tornata nel suo Paese natale per lavorare ed essere presente, spalla a spalla con le sue sorelle afghane, per spingere a creare una pace sostenibile dopo il ritiro completo delle forze statunitensi dall’Afghanistan e il ritorno dei talebani. Oggi è direttrice di una vecchia e consolidata organizzazione afghana, l’AWSDC (Afghan Women Skills Development Center), che lavora con le vittime della violenza.

AWSDC

L’Afghan Women Skills Development Centre è un’organizzazione non governativa (ONG) nazionale, con sede a Kabul e dedicata alla promozione e alla protezione dei diritti delle donne in Afghanistan. È stata fondata nel 1999 in Pakistan con la missione di fornire alle donne rifugiate afgane formazione e supporto per lo sviluppo delle loro competenze e l’emancipazione economica. Dopo il trasferimento dell’AWSDC dal Pakistan a Kabul nel 2001, l’AWSDC ha ampliato le sue attività come portare giustizia alle donne afgane anche per restituire i loro diritti fondamentali dalla società, dall’altro, lavorando per la pace e i conflitti nelle comunità anche per proteggere donne difensori dei diritti umani coloro che sono a rischio sul terreno e sull’emancipazione delle donne attraverso l’economia.

Missione – Eliminare la violenza contro le donne e le loro famiglie fornendo un rifugio sicuro, servizi legali, consulenza e sostegno in collaborazione con il governo e la società civile

Visione – Una società in cui le donne non sono più soggette alla violenza, vivono con dignità e sono in grado di partecipare a tutti gli aspetti della vita (fonte AWSDC (Afghan Women Skills Development Centre)

—————

Dopo l’agosto 2021 è rimasta in Afghanistan ed è favorevole a intraprendere un dialogo con i talebani attualmente al potere, vedi intervista su l’Avvenire.

 

Eventi in Giugno 2024

lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 Maggio 2024
28 Maggio 2024(1 event)

Dossier Cisda: I diritti negati delle donne Afghane. Voci alla giustizia al femminile


28 Maggio 2024

Torino – Fondazione Fulvio Croce
via Santa Maria 1
Torino,
29 Maggio 2024
30 Maggio 2024
31 Maggio 2024
1 Giugno 2024(1 event)

Tra America latina, Vicino ed Estremo Oriente: resistenza comunitaria nonviolenta in contesti di conflitto


1 Giugno 2024

2024 06 01 Eirenfest
Roma – Casa Umanista
Via dei Latini 12/14
Roma, 00185
2 Giugno 2024
3 Giugno 2024
4 Giugno 2024
5 Giugno 2024
6 Giugno 2024
7 Giugno 2024
8 Giugno 2024
9 Giugno 2024
10 Giugno 2024
11 Giugno 2024
12 Giugno 2024
13 Giugno 2024
14 Giugno 2024
15 Giugno 2024
16 Giugno 2024
17 Giugno 2024
18 Giugno 2024
19 Giugno 2024
20 Giugno 2024
21 Giugno 2024
22 Giugno 2024
23 Giugno 2024
24 Giugno 2024
25 Giugno 2024
26 Giugno 2024
27 Giugno 2024
28 Giugno 2024
29 Giugno 2024
30 Giugno 2024

Vai agli Eventi